Saturno il 24 marzo 2011

Per una migliore visione delle immagini, regolare le impostazioni dello schermo così da rendere visibili tutte le sfumature nella scala di grigi sottostante.

Alla fine di marzo 2011 un'area di alta pressione ha interessato l'Europa Centrale e il Nord Italia. Sebbene l'area dove abito non sia particolarmente rinomata per le condizioni del seeing, il 24 marzo sono comunque riuscito a strappare un'immagine decente.

 

Il percorso di Saturno lungo l'eclittica lo sta portando sempre piu a sud: per osservatori situati alla mia latitudine (~ 45 gradi N), esso raggiunge unaltezza massima di circa 41 gradi. Nei prossimi anni diventerà sempre più difficile da riprendere dall'emisfero settentrionale. L'opposizione di quest'anno si verifica nei primi giorni di aprile.

L'immagine di cui sopra e il risultato di 300 frame grezzi su 760 ripresi con il mio C11 a f/25 e la mia Lumenera Lu075M: la somma e l'elaborazione sono state effettuate con Iris e Adobe Photoshop CS5. Ancora chiaramente visibili sono le tracce della tempesta a larga scala che e scoppiata nell'emisfero nord del pianeta nel dicembre del 2010. Si nota anche un pattern di rumore sul pianeta: la trasparenza non era eccezionale quella notte, e il filtro usato (Schott RG695 IR-pass) e piuttosto scuro. Questo mi ha costretto ad alzare quasi al massimo (90%) il guadagno della camera per raggiungere un range dinamico sufficientemente elevato, ottenendo come effetto collaterale la presenza di queste bande di rumore che non sono riuscito ad eliminare del tutto in fase di elaborazione. Uno stretch molto forte sull'immagine permette anche di tirare fuori due satelliti: Titano (già visibile nell'immagine normale), e Tethys.

Nel complesso, comunque, sono contento di questa immagine e spero di ottenerne altre nelle settimane che verranno.

Leave a comment