NGC 4216 e compagnia

Per una migliore visione delle immagini, regolare le impostazioni dello schermo così da rendere visibili tutte le sfumature nella scala di grigi sottostante.

Non inserivo aggiornamenti al mio sito da un bel po’ di tempo. Questi ultimi mesi mi hanno visto impegnato in mille cose: ciononostante, sono riuscito ad effettuare alcune sessioni astrofotografiche sul campo, e ciò che mi manca davvero è il tempo di elaborare i dati grezzi e pubblicare i risultati.

Inizio a recuperare il tempo perduto (o almeno ci provo :mrgreen: ) con questa ripresa della zona di NGC 4216, una galassia a spirale vista quasi di taglio. Questa galassia, appartenente all’Ammasso della Vergine, si trova nella parte settentrionale della costellazione della Vergine quasi al confine con la Chioma di Berenice ed è la più luminosa di un terzetto di galassie a spirale piuttosto noto: NGC 4216, NGC 4206 e NGC 4222.

Ecco la posa a largo campo, ripresa con un rifrattore Tecnosky 130/910, una camera CCD Moravian Instruments G2-8300 e filtri LRGB, per un totale di 530 minuti (quasi 9 ore), di cui 200 minuti di sola luminanza e il resto ripartito in parti uguali fra i tre colori:

0
NGC 4216 and nearby galaxies

NGC 4216 and nearby galaxies

La crominanza di questa immagine è stata elaborata da Edoardo Radice.

Questo campo è ricchissimo di oggetti galattici, come dimostra la versione a cui è stato applicato il plate solving:

0
NGC 4216 and nearby galaxies

NGC 4216 and nearby galaxies (plate-solved version)

La mia galassia preferita è NGC 4189, visibile in basso a sinistra nel campo: deliziosa “girandolina” vista di piatto, con i bracci di spirale di colore blu. Ecco un “collage” delle galassie principali del campo a piena risoluzione:

0
NGC 4216 and nearby galaxies

NGC 4216 and nearby galaxies (composite)

Infine, una nota di carattere più scientifico. NGC 4216 è nota agli scienziati per essere una galassia “cannibale”, che si è ingrandita fagocitando vicine più piccole. Le vestigia di questa voracità sono visibili nei getti stellari che circondano la galassia. Nella mia foto non sono molto visibili, perché non è abbastanza “profonda”. Tuttavia, uno stretch esasperato ne riesce a mostrare la parte più luminosa:

0
NGC 4216 and nearby galaxies

NGC 4216 and nearby galaxies (highy strecthed version)

Se volete vedere questi getti in tutto il loro splendore, potete guardare qui.

Il cielo primaverile con i suoi mille gioielli non finisce mai di stupirmi!

Leave a comment