Addio a due vecchie “amiche”

Per una migliore visione delle immagini, regolare le impostazioni dello schermo così da rendere visibili tutte le sfumature nella scala di grigi sottostante.

This post is also available in: English (Inglese)

Dopo esser stato abbonato ad Astronomy e Sky & Telescope per quasi vent’anni, ho deciso che molto probabilmente rinnoverò l’abbonamento triennale a Sky and Telescope che scadrà a marzo del 2011. Cliccate sul link qua sotto per saperne di più!

Sono un appassionato astrofilo e lettore di riviste di astronomia dai primi anni 80. Ricordo ancora il giorno in cui comprai la mia prima rivista di astronomia, un numero de L’Astronomia: era la fine del 1984 e avevo 12 anni. Ben presto decisi di abbonarmi, e ne continuai ad essere affezionato lettore fino a quando non chiuse nel 2001.

Due anni dopo, nel 1986, riuscii ad ottenere un numero di Sky & Telescope, e si può dire che fu “amore a prima vista”: essa mi colpì per il suo contenuto di alto livello e le belle immagini, ma a quei tempi non mi potevo permettere un altro abbonamento. Poi, nel 1992, mentre ero uno studente di ingegneria, mi capitò un’offerta che davvero non potei rifiutare: un abbonamento ad Astronomy ad una tariffa per studenti. Lunico inconveniente era la spedizione via terra, a causa della quale in numeri mi arrivavano quasi sempre in ritardo di un mese. Ma non era un grosso problema: limportante era aver accesso ad una pubblicazione di alta qualità in inglese ad un costo assai vantaggioso.

Rimasi un affezionato lettore di Astronomy per circa sette anni. Il tempo passò e alla fine degli anni 90 la qualità di questa rivista era calata apprezzabilmente. Per questa ragione mi rivolsi nuovamente a Sky & Telescope, che era ancora la mia stella polare in fatto di riviste di astronomia. Così, nel 1999, decisi di “scaricare” Astronomy per passare a Sky & Telescope.

Passarono altri otto anni come soddisfatto abbonato di S&T. Poi, nel 2007, essa andrò incontro ad una radicale ristrutturazione. Tutta la stampa tradizionale si trovava sotto pressione da parte dei media digitali, Internet in primis, e le riviste di astronomia non facevano eccezione. In seguito ad un comprensibile tentativo di catturare nuovo pubblico, i contenuti della rivista furono cambiati pesantemente, con un generale scadimento della qualità, che fece di S&T una rivista decisamente più ordinaria. Molto del precedente contenuto di alto livello era sparito: articoli e recensioni declassate a semplici riassuntini di due pagine, rubriche; persino la qualità di stampa non era più la stessa. Successivamente, qualche mese fa mi è capitato di ricomprare un paio di numeri di Astronomy per vedere se la principale concorrente di Sky & Telescope fosse per caso meglio, ma rimasi molto deluso.

Il mio abbonamento a S&T scadrà a marzo 2011, e data la situazione molto probabilmente non lo rinnoverò. Non mi si fraintenda: per me la carta stampata riveste ancora moltissima importanza, e preferisco leggere un articolo scritto su qualcosa che posso toccare e sfogliare piuttosto che sullo schermo di un PC. Comunque è innegabile che ormai le riviste americane non abbiano ormai quella marcia in più che le contraddistingueva rispetto alle loro controparti europee, e ci sono alcune pubblicazioni italiane o francesi che contengono ancora articoli tecnici di ottimo livello. L’ultima ragione valida rimasta per leggere le riviste americane è la lingua, e ho paura che non sia abbastanza. Da questo punto di vista, direi, Internet è diventata una migliore sorgente di informazioni.

Leave a comment