Wednesday, 17th Oct 2018

ott 06 2015

L’eclisse totale di “superluna” del 28 settembre 2015

sept-2015-mosaicSono passati quasi quattro anni dall’ultima eclisse di Luna visibile in Europa (giugno 2011). Questa eclisse del 28 settembre 2015 era dunque benvenuta dopo una così lunga astinenza :mrgreen: . Inoltre, essa era piuttosto interessante perché si sarebbe verificata proprio in corrispondenza del perigeo, con la Luna quindi al suo massimo diametro apparente.

Leggi il resto »

set 26 2015

Overhead ISS Transit

On September 24th, 2015, it was a crystal clear night over Northern Italy. The day before I had come across the news (wonders of Facebook :mrgreen: ) that a transit of the International Space Station (ISS) would take place almost overhead during the morning twilight. The ISS was expected to cut straight across the entire sky dome, passing very close to the local zenith, for a total transit duration of about six minutes (from 6:23 to 6:29 CEST).

Had I known about it beforehand, it would have been a terrific opportunity for some hires space station imaging. Unfortunately it was too short of a notice, because the weather had not been favorable on the previous day(s) and my mount’s pointing model was too old (i.e. not accurate enough) and therefore had to be rebuilt from scratch.

So, I had to make do with wide-field imaging. To this end, I got up around 6:00am and set up my camera on a fixed tripod in my backyard. I used my 8-mm Samyang fisheye lens for the widest possible field of view (almost 180°).

Needless to say, the transit started perfectly on time. The ISS popped up from the NW, zipped across the autumn and winter sky: Andromeda, Perseus, Auriga, Gemini, Canis Minor, and then headed SE, quickly plunging into the morning twilight. Judging from the trail, the ISS reached a maximum altitude of about 78°.

Here’s a photo showing the whole transit, which is actually a composite of 22 x 15 s exposures taken with my Canon 500D DSLR at 400 ISO and the fisheye lens stopped down to f/5.6. Also available is an annotated version of the photo. Click both images for a larger version with all the relevant technical details.

Enjoy!

ISS Transit of September 24, 2015 over Northwestern Italy

The International Space Station (ISS)

Annotated version of the above image

The International Space Station (ISS)

set 08 2015

M31 The Andromeda Galaxy

M31 The Andromeda Galaxy

Here’s an old and evergreen deep-sky classic… M31, aka the Great Andromeda Galaxy, taken during my 2014 stay at Colle dell’Agnello, a pass in the Italian Alps on the border with France, located at a whopping (at least by European standards :mrgreen: ) 2700 m elevation.

Worth noting is the fact that this picture was made with a PC-less, fully stand-alone setup: Canon 6D + Pentax 75 OTA riding an Avalon M-Zero mount, autoguiding and exposure timing with a Lacerta MGEN stand-alone camera. Processing was done in Pixinsight and Adobe Photoshop.

In my opinion, this image has one important flaw: the galaxy’s core is burned out because I forgot to take some short-exposure shots :mrgreen: . On the whole, however, I’m quite happy with the result, which is way better than the one I took back in 2008.

Click the above image for a larger version. Enjoy!

lug 02 2015

Close Encounters in the Summer Sky

Jupiter and Venus

Close conjunction of Jupiter and Venus on June 30th, 2015

In late June 2015, Jupiter and Venus (together with the Moon) put on a really nice show with a breathtaking multiple conjunction. Around mid-June, the two planets were already quite close to each other. Around June 20th, they formed a really nice triangle with the crescent Moon, fitting in a circle of just a few degrees.

Leggi il resto »

apr 28 2015

L’Eclisse Parziale di Sole del 20 Marzo 2015

Partial solar eclipse of March 20th, 2015

Il 20 marzo scorso si è verificata in Europa un’eclisse di Sole, visibile come totale solo dall’Oceano Atlantico Settentrionale e dall’Oceano Artico. Gli unici scampoli di terraferma toccati dall’ombra erano le isole Faer Oer, e successivamente le Svalbard, situate nel pieno dell’Oceano Artico a circa 800 km a nord di Capo Nord in Norvegia. Nel resto d’Europa, Italia inclusa, era visibile come parziale, con oscuramento del Sole crescente andando da SE verso NO.

Impossibilitato per varie ragioni a viaggiare fino alle zone di totalità, la mia idea era di osservare e fotografare l’eclisse parziale da casa. Tuttavia, il giorno prima (19 marzo) le previsioni per la mia zona (provincia di Varese) non erano favorevoli, e quindi ho deciso di svegliarmi la mattina stessa molto presto decidendo la destinazione al momento.

Leggi il resto »

mar 17 2015

CEDIC ’15

cedic15_03Dal 6 all’8 marzo 2015 si è svolta la quarta edizione del CEDIC. Come dice l’acronimo, in inglese (Central European Deepsky Imaging Conference), è una conferenza molto specialistica dedicata alla fotografia astronomica del cielo profondo, e alle tematiche ad essa collegate: tecniche di elaborazione e di ripresa, strumentazione, casi d’uso particolari, ecc. Ad essa partecipano numerosi appassionati, alcuni dei quali a livello decisamente elevato, e alcuni professionisti del settore che fanno anche da sponsor alla manifestazione.

La conferenza si tiene a Linz, in Austria, nell’”Ars Electronica Center” (http://www.aec.at/), un edificio dall’aspetto futuristico, situato proprio sulla riva del Danubio a circa 1 km dal centro e 2 km dalla stazione ferroviaria principale, che ospita una specie di esposizione multimediale permanente. Il centro è dotato di strutture ed ausili multimediali di tutto rispetto, in particolare nella sala multimediale “Deep Space”, che è abbastanza grande da fungere da aula magna e dove possibile assistere a rappresentazioni 3D grazie ad una batteria di proiettori video digitali in 4K.

Leggi il resto »

mar 02 2015

Giove nel febbraio 2015

Jupiter_2322_sord

Nel 2015 le condizioni migliori per l’osservazione di Giove erano attese in febbraio, essendo l’opposizione prevista il giorno 6. Attualmente il gigante gassoso si trova nella costellazione del Cancro a una declinazione di circa +17°, che gli consente di raggiungere, alle medie latitudini dell’emisfero boreale, un’altezza massima sull’orizzonte di circa 62°, il che lo rende osservabile in condizioni piuttosto favorevoli. Purtroppo esso si trova nel ramo discendente dell’eclittica, il che significa che le condizioni peggioreranno gradualmente nei prossimi anni: tuttavia esse saranno ancora abbastanza buone almeno nel 2016, e per le regioni europee meridionali probabilmente anche nel 2017.

Leggi il resto »

gen 20 2015

Comet Lovejoy Again

Comet C/2014 Q2 Lovejoy-forpublication

Here’s another image of comet C/2014 Q2 Lovejoy: I’ve got more of them on my processing backlog but I picked this one because it’s the one with the longest sub-exposures. It was taken from my backyard, in a heavily light-polluted area close to Varese, Italy.
Longer sub-exposures tend to show the comet’s tail better, but at the expense of a sky background that’s way more difficult to tame because of light pollution. And indeed, it turned out to be a pain to process, but I think the result is rather pleasing. I did my best trying to bring out the faint wisps and jets in the comet’s tail. Hope you like it!
Exposure info: 78 x 90 s taken on January 11, 2015 with a Canon 6D DSLR through a Pentax 105 SDHF refractor; processing with Maxim DL, PixInsight and Photoshop. Click on the picture for a larger version; more details available in the caption.

gen 06 2015

La cometa C/2014 Q2 Lovejoy in avvicinamento

Comet C/2014 Q2 Lovejoy

Scoperta nell’agosto 2014 dall’astrofilo australiano Terry Lovejoy (la quinta cometa scoperta da lui), questa cometa si sta rivelando un bell’oggetto. E’ attualmente di magnitudine 4.5, dunque visibile ad occhio nudo, ma solo da cieli bui, nella costellazione di Eridano. Nel corso del mese di gennaio le condizioni di visibilità miglioreranno ancora, poiché salirà rapidamente a declinazioni più settentrionali. Per maggiori informazioni, consultare ad esempio il sito web di Sky & Telescope.

Io ho fotografato la cometa Lovejoy il 27 dicembre 2014 dall’Appennino, quando trovandosi a -27° di declinazione era ancora molto bassa sull’orizzonte. Per tale motivo, nell’elaborare le foto ho dovuto lottare ferocemente con forti gradienti dovuti all’inquinamento luminoso.

Il periodo migliore per osservarla dall’emisfero nord dovrebbe essere tra il 15 e il 20 di gennaio, quando la Luna Nuova non disturberà l’osservazione e la luminosità della cometa dovrebbe essere aumentata fino alla magnitudine 4, o anche alla 3.5. E’ importante sottolineare che non si tratta di un oggetto memorabile, ma chi avrà la pazienza di recarsi in un luogo buio e puntare un binocolo nella sua direzione non rimarrà deluso.

Le due foto di questo post sono state ottenute con il Pentax 75 e la Canon 6D; le altre informazioni tecniche sono contenute nelle didascalie. La prima mostra la situazione reale, cioè il moto della cometa fra le stelle; nella seconda, più elaborata, il moto della cometa è stato come “congelato”. Buona visione!

  Comet C/2014 Q2 Lovejoy

dic 26 2014

Prime Riprese in H-alfa col PST modificato

06_caption

Le riprese del Sole in banda stretta centrate sulla riga dell’h-alfa (656.3 nm) offrono alcune tra le immagini più spettacolari della nostra stella, perché permettono di evidenziare una quantità incredibile di dettagli e strutture non osservabili in luce bianca. Recentemente ho realizzato un telescopio solare in h-alfa di quelli cosiddetti “modificati”, partendo da un Coronado PST usato. Lo strumento è ancora “in divenire”, e molto probabilmente lo descriverò in un altro articolo.

Dopo aver lasciato il telescopio per un po’ di tempo a prendere la polvere, nel mese di ottobre 2014 un gigantesco gruppo di macchie solari, battezzato “AR2192” (v. ad esempio qui), ha offerto uno spettacolo davvero eccezionale e mi ha convinto a trovare il tempo per fotografarlo, anche se non nelle migliori condizioni osservative, quando ormai si trovava vicino al lembo del disco solare e di lì a poco sarebbe scomparso alla vista nella faccia nascosta del Sole.

  Leggi il resto »

Post precedenti «

» Post successivi